Zoo Gang: Paul McCartney sonorizza una serie TV sui partigiani francesi

Zoo Gang: Paul McCartney sonorizza una serie TV sui partigiani francesi

Nel 1974, nel Regno Unito, va in onda, per l'emittente ATV, la serie televisiva Zoo Gang ispirata ad un libro di Paul Gallico e ambientata in Costa Azzurra. Si tratta della storia a puntate di quattro esponenti della resistenza francese, che, a trent'anni di distanza dalla fine del conflitto, si riuniscono, sottraggono denari a persone disoneste e impiegano le cifre estorte ai malfattori per finanziare un ospedale. La particolare attività benefica è dedicata a Claude Roget, detto "il lupo", il loro compagno di lotta, ucciso dalla Gestapo nella seconda guerra mondiale. Ed è proprio l'incontro con il suo aguzzino a spingere la banda a riunirsi in onore dell'amico. Per mantenere la segretezza ognuno degli ex combattenti rispolvera il vecchio nome di battaglia: Alec Marlowe "la tigre", Manouche Roget "il leopardo", Steven Halliday "la volpe" e Thomas Devon "l'elefante". 

Paul McCartney e i Wings si occupano della sigla del programma, incidendo a fine 1973, presso gli studi EMI di Parigi, la traccia strumentale omonima. Alle sedute di registrazione, svolte al termine dei lavori per l'LP  Band on the Run, prendono parte Macca alla voce e al basso, Linda alle tastiere, Denny Laine e Jimmy McCulloch alle chitarre e Davy Lutton alla batteria. Alla classica strumentazione si aggiunge la fisarmonica, per assegnare un tocco francese al brano. In effetti, lo strano strumentale oscilla tra sapori parigini e ammiccamenti reggae per strutturarsi sull'esempio delle tipiche sonorizzazioni delle serie televisive dell'epoca. Senza brillare per genialità, sfoggia un modesto fascino e risulta funzionale allo scopo. Per il resto, le sessions parigine sono riservate in gran parte all'esecuzione di alcuni brani di Linda McCartney, perlopiù rimasti inediti per decenni. 

"Zoo Gang" non compare quindi sull'LP Band on the Run ma viene usata, nel 1974, come lato B del singolo con il pezzo eponimo dell'album. Dalle stesse sedute di registrazione di Zoo Gang emerge un altro brano strumentale: "Bridge on the River Suite". Il pezzo compare come retro di "Walking in the Park with Eloise", traccia composta in gioventù dal padre di Paul, James McCartney, anch'essa senza cantato. Il singolo, dato alle stampe a fine 1974, accreditato ai fantomatici Country Hams e dedicato alla figura paterna è di fatto un'opera dei Wings, sotto mentite spoglie. Mentre il lato A è un jazz vecchio stile dall'atmosfera dixieland, "Bridge on the River Suite" è un brano anonimo di lounge music. La sezione fiati, registrata con l'aiuto di Tony Dorsey a Nashville nel 1974, caratterizza fortemente "Walking in the Park with Eloise" ma è in secondo piano nel lato B. 

"Zoo Gang", così come "Bridge on the River Suite", è talmente privo di estro da essere oggetto di un fraintendimento. La band di turnisti di studio Jungle Juice, capitanata da Colin Frechter, realizza un mese prima dell'uscita a nome Wings, una cover di "Zoo Gang", con un lato B concepito sulla falsariga del brano di punta: "Monkey Business". Tony Hiller, produttore dell'unico singolo della band improvvisata, ha il merito di saper ricreare il sound dei Wings, tanto da far sospettare, all'epoca, che dietro alla sigla Jungle Juice si nascondessero McCartney e soci. Nello stesso periodo, invece, McCartney e la sua band incidono una terza traccia di servizio, questa volta pensata come jingle per Radio Luxembourg."Luxi" è hard-rock grintoso, memore di "Foxy Lady" di Jimi Hendrix, con un testo composto dai titoli delle canzoni di Band on the Run.

 

 

 

"Zoo Gang" viene pubblicata nel 1973 come lato B di "Band on the Run" da Paul McCartney & Wings e, in precedenza, come lato A dell'unico 45 giri dei Jungle Juice: "Zoo Gang/Monkey Business". 

Il percorso artistico di Stash Klossowski de Rola: tra Vince Taylor e Brian Jones

Il percorso artistico di Stash Klossowski de Rola: tra Vince Taylor e Brian Jones

Jet di Paul McCartney: tre interpretazioni possibili

Jet di Paul McCartney: tre interpretazioni possibili