George Brecht spegne la luce

George Brecht spegne la luce

Nel gergo fluxus, Water Yam di George Brecht è una fluxbox con fluxscores per fluxevents disponibile in un fluxshop. In parole semplici, Water Yam è una scatola piena di cartoline con istruzioni per performance. L’opera rappresenta per Brecht il centro geometrico della sua produzione. Brecht, figlio spirituale di John Cage, traccia una via alternativa all’happening di Allan Kaprow, altro allievo del maestro. Mentre l’happening è una sorta di assemblage di azioni, l’event è un’estensione del concetto duchampiano di ready-made nell'ambito della gestualità. Gli happening di Allan Kaprow sono patchwork di azioni diverse compiute da più persone, mentre gli event di Brecht si basano su un unico semplice gesto effettuato in solitaria.

Sedersi o alzarsi, bere un bicchiere d’acqua o spegnere la luce: ecco le singole azioni che prevedono gli spartiti minimali di George Brecht. Un gesto consueto e quotidiano viene estrapolato dal suo contesto, isolato e compiuto sotto gli occhi del pubblico. Insieme al suo amico e collega Bob Watts, George Brecht organizza, da inizio anni '60 il Wam Festival, un festival interamente dedicato all'esecuzione di semplici gesti quotidiani. Water Yam, pubblicato per la prima volta nel 1963, è quindi il primo approdo del percorso carsico e sfortunato di George Brecht. La sua scatola influenzerà moltissimo Brian Eno e Peter Schmidt nella creazione delle Strategie Oblique. E attraverso Eno ispirerà, in modo indiretto, tante famose opere rock.

 

 

 

Water Yam di George Brecht è una scatola di cartone contenente 68 carte. Pubblicato per la prima volta nel 1963 per le Fluxus Editions a New York, sfoggia la grafica inconfondibile del leader del movimento George Maciunas e l'opera tipografica di Tomas Schmit. Nella terza edizione verrà impiegata una scatola di plastica e nelle edizioni successive muterà anche la grafica. Le partiture presenti nella prima edizione sono state create nel periodo dal 1959 al 1963, mentre le edizioni successive vedranno accrescere il materiale. Inizialmente queste proposizioni venivano inviate via posta, nell'ambito della pratica della mail art, come event da assegnare a distanza a colleghi dall'altra parte dell'oceano. Riunite per la prima volta in Water Yam presentano una particolarità grafica: un puntino separa il titolo dell'event dalla vera e propria istruzione. 

 

 

 

Perché la Nasa dovrebbe mandare Black Math nello spazio

Perché la Nasa dovrebbe mandare Black Math nello spazio

Gli Stones psichedelici alla corte di sua maestà il diavolo

Gli Stones psichedelici alla corte di sua maestà il diavolo