Chicken Rock: il rock del pollo di Wild Bill Bartlett

Chicken Rock: il rock del pollo di Wild Bill Bartlett

La piccola casa discografica californiana Jet pubblica nel 1960 uno strano singolo, “Chicken Rock/Where Yo Is”, prodotto dal proprietario dell’etichetta Robert Scherman e inciso Pal Recording Studio di Paul Buff a Cucamonga. Il 45 giri esce a nome Fat Daddy Holmes, nonostante Bill Holmes sia responsabile solo della canzone sul lato B mentre lo strumentale sul lato A sia opera di Wild Bill Bartlett. I due Bill sono una coppia di misconosciuti artisti attivi tra la fine degli anni ‘50 e l’inizio degli anni ‘60, autori solo di questo split, finito presto nel dimenticatoio. Dopo la pubblicazione d’esordio i due musicisti abbandonando la carriera solista, si separano e si indirizzano verso strade differenti. Negli anni seguenti Holmes diventa proprietario della casa discografica All-American e produttore della band psichedelica Strawberry Alarm Clock mentre Bartlett diviene, con molta probabilità, il chitarrista prima dei Lemon Pipers e poi dei Ram Jam, sempre che non si tratti di un caso di omonimia.

“Where Yo Is” è un buon rockabily dalle venature horror che valere a Holmes una degna presenza nella schiera di artisti cresciuti all’ombra di Elvis ma accomunati da una certa macabra follia. Oggi Charlie Feathers e Albert "Sonny" Burgess sul côté più moderato e Bill Lee Riley e Hasil "Haze" Adkins sulla sponda più eccentrica, capeggiano infatti liste infinite di sconosciuti rocker, autori di pochi 45 giri caratterizzati da una proposta tanto squinternata quanto intrigante. Il rock’n’roll dei primordi, diviso a livello testuale tra donne e automobili, in questo genere di produzione si confronta con tematiche più stravaganti e con riferimenti alla violenza fisica e alla presenza extraterrestre. Holmes, lontano da eccessi e colpi di estro, non sfiora neppure il delirio genialoide di Phantom, il cantante mascherato che nel 1960, pubblica il suo unico spiazzante 45 giri: “Love Me/Whisper Your Love”. “Where Yo Is” non è altro che uno tra i tanti apprezzabili brani di morboso rockabilly di quel periodo.

“Chicken Rock” è invece un discreto strumentale per chitarra elettrica, caratterizzato dall’impiego del verso del pollo e dal tentativo di imitare lo stesso suono con lo strumento. Tra gli anni ‘50 e gli anni ‘60 molti artisti blues, soul e rock’n’roll si sono cimentati in questa impresa: da Link Wray a Hasil Adkins, da Andre Williams a Sly Stone numerosi musicisti hanno infatti cercato di riprodurre su vinile lo starnazzare di galli e galline. Ma è “Chicken Stuff” di Hop Wilson l’operazione più interessante, in questo strano ambito: il brano del 1958 è un semi-strumentale per lap steel che ingloba field recordings dei volatili da cortile. Se “Chicken Stuff” sfoggia un fascino del tutto particolare grazie al fraseggio caracollante e ancestrale alla chitarra hawaiana, “Chicken Rock”, facendo leva su un uso più virtuoso della canonica chitarra elettrica, non riesce a raggiungere lo stesso grado di originalità. Il brano risulta comunque efficace e dimostra la capacità del chitarrista di emulare il verso del pollo.

“Chicken Rock/Where Yo Is” esce nel 1960 per l’etichetta californiana Jet a nome Fat Daddy Holmes: il lato A è opera di Wild Bill Bartlett mentre il lato B è opera di Bill Holmes.

Kingsley e Charles Ward e la creazione dei Rockfield Studios

Kingsley e Charles Ward e la creazione dei Rockfield Studios

Hop Wilson: blues e rock'n'roll tra glissati alla lap steel e versi di animali

Hop Wilson: blues e rock'n'roll tra glissati alla lap steel e versi di animali