Georges Brassens, il misogino amato dalle puttane

Georges Brassens, il misogino amato dalle puttane

“Caro Georges Brassens, noi, le puttane, Le diciamo grazie per le Sue belle canzoni che ci aiutano a vivere. Purtroppo abbiamo trovato il suo indirizzo solo adesso. Un abbraccio da parte di tutte noi. Le Sue amiche del Collettivo, con affetto, per sempre”. 

Così le puttane di Parigi salutano, il 16 giugno 1976, il cantautore francese Georges Brassens, più volte accusato di misoginia. Fabrizio De André non lo volle mai conoscere: il mito era così alto che aveva paura di rimanere deluso dall'uomo. Negli ultimi anni, grazie a qualche pubblicazione e alcune indiscrezioni, sta emergendo un'immagine di De André lontana da quella dell'icona, eticamente perfetta. Ma importa poi così tanto sapere come fossero De André o Brassens come persone o è sufficiente apprezzarli come artisti?

Il castello di corallo di un inguaribile romantico

Il castello di corallo di un inguaribile romantico

I cappelli di Captain Beefheart

I cappelli di Captain Beefheart