Aloha Steve and Danno: i Radio Birdman omaggiano Hawaii Five-O

Aloha Steve and Danno: i Radio Birdman omaggiano Hawaii Five-O

I Radio Birdman rappresentano, insieme ai Saints, la principale band punk della scena australiana degli anni ‘70. Vengono fondati nel 1974 a Sydney dal cantante Rob Younger dei Rats e dal chitarrista Deniz Tek dei TV Jones. I due amici reclutano Ron Keeley alla batteria, Philip "Pip" Hoyle alle tastiere, Carl Rorke al basso, presto rimpiazzato da Warwick Gilbert, e in un secondo tempo Chris Masuak alla chitarra. Il punto di riferimento fondamentale della band è il proto-punk di Detroit di Stooges e Mc5. Nello stesso 1974 anche a Londra e New York le nuove band si spingono nella stessa direzione: nella metropoli americana nascono i Ramones e nella capitale del regno unito i 101'ers, il primo gruppo di Joe Strummer. Indipendentemente da quello che sta capitando altrove, in quell’anno i Radio Birdman muovono i primi passi e incarnano la risposta australiana al nascente punk internazionale. Eppure la definizione di punk ai Radio Bidrman va stretta: la band si battezza citando la canzone “1970” degli Stooges ma intitola il primo album Radios Appear alludendo al brano "Dominance and Submission" dei Blue Öyster Cult. Nei Radio Birdman si sommano quindi influenze hard alla matrice garage ma fa capolino anche una forte ascendenza surf. Nel 1978 la band pubblica una canzone particolare “Aloha Steve and Danno”: il brano vede una parte musicale originale scritta da Deniz Tek amalgamata al tema della serie televisiva Hawaii Five-0, strumentale composto da Morton Stevens e reso celebre dai tardi Ventures.

Il surfista Rob Younger è un fan della serie e scrive di suo pugno un testo ispirandosi ai personaggi del telefilm, Steve McGarrett e Danny "Danno" Williams. Senza nulla togliere ai versi del cantante è il chitarrista a compiere il capolavoro: Tek decide di creare un accompagnamento alle liriche del collega, mescolando in maniera sopraffina un suo nuovo riff punk al preesistente tema surf e adagiando l’interpolazione sul rumore delle onde e sulle armonie vocali della band. Anche i Ramones, negli stessi anni, dimostrano un eguale amore per il garage e l’hard rock e per il surf e il beat, dividendosi in modo armonioso tra Stooges e Led Zeppelin, Beach Boys e Beatles. Ma i Radio Birdman con “Aloha Steve and Danno” fanno qualcosa di più di indossare jeans e chiodo e cantare “California Sun” dei Rivieras. Tek cresciuto ad Ann Arbor in Michigan, prima di trasferirsi a Sydney, introietta la vivacità di quella piccola cittadina, animata dalla scena proto-punk ma anche attenta alla musica d’avanguardia dell’Once Festival e alla black music dell’Ann Arbor Blues Festival. Tek si sposta in Australia poco prima che il festival blues si apra al free jazz ma, nella sua formazione, la matrice popolare si accosta alla ricerca sperimentale. E “Aloha Steve and Danno” in effetti sembra un collage atemporale di surf e punk con rumori ambientali, se non degni di un disco di musica concreta, lontani dalla rozzezza di buona parte dei suoi colleghi.

Il brano viene pubblicato come singolo nel 1978 e inserito nell’edizione estera dell’LP Radios Appear. Per l’occasione Janis Schacht, agente della Sire, contatta l’attore Jack Lord, interprete del personaggio Steve McGarrett in Hawaii Five-0, per scattare una foto pubblicitaria con il gruppo. Di risposta viene fatta pervenire alla band la richiesta di assegnazione di un terzo dei diritti d’autore del brano a Morton Stevens, autore del tema della serie tv. Tek e Younger, consapevoli del plagio commesso, accettano la proposta e riconoscono al compositore parte della paternità di “Aloha Steve and Danno”. Nonostante la querelle, il pezzo rimane il più evocativo del repertorio della band e forse dell’intera stagione. L’EP, Burn My Eye, sembra infatti ispirato di più ai Rolling Stones che agli Stooges e sfoggia una già invidiabile capacità compositiva in una veste ruvida ma compassata. Radios Appear, sia nella versione originale che in quella rielaborata, mostra invece un vistoso passo avanti verso il suono e la velocità della giovane generazione. Se il punk è servito a riportare le lancette al 1964 e a mettersi alle spalle le raffinatezze dell’era psichedelica e post-psichedelica, i Radio Birdman fanno ritorno alla semplicità dei primi anni ‘60 con un piglio fresco ma incorporano, soprattutto grazie a Hoyle, elementi lisergici degni dei Doors in brani come "Man With Golden Helmet". È però con “Aloha Steve and Danno” che la band realizza il suo capolavoro, effettuando un tributo incrociato alla cultura surf e garage in una maniera complessa.

“Aloha Steve and Danno” è una canzone pubblicata dai Radio Birdman nella seconda edizione di Radios Appear nel 1978. Rob Younger e Daniz Tek sono gli autori rispettivamente del testo e della musica originali mentre una parte del brano è costituita da una rilettura del tema Hawaii Five-0, realizzato da Morton Stevens nel 1968 e reso famoso dai Ventures nel 1969.

Nesta Kerin Crain: un viaggio spirituale verso l'estremo oriente a colpi di gong

Nesta Kerin Crain: un viaggio spirituale verso l'estremo oriente a colpi di gong

Kingsley e Charles Ward e la creazione dei Rockfield Studios

Kingsley e Charles Ward e la creazione dei Rockfield Studios